Per networking, PoE e cablaggio elettrico tradizionale

4Power presenta la nuova linea di alimentatori industriali per installazione su Guida DIN. Forti di oltre quindici anni di esperienza nel settore, l’azienda ha deciso di ampliare il catalogo della produzione interna inserendo una serie di alimentatori AC/DC 24 e 48V, ideali per applicazioni networking, PoE e cablaggio elettrico tradizionale. L’obiettivo è di avere massimo controllo sulle caratteristiche tecnichel, per assicurare continuità nelle forniture, migliore supporto tecnico e prodotti di ottima qualità a prezzi competitivi. La nuova linea di alimentatori 4N-PWR - disponibili con potenze fino a 480W - è progettata per alimentare periferiche industriali, quali switch, media converter, access point o PLC. Aumentare i livelli di sicurezza significa anche centralizzare l’alimentazione, creare ridondanze e utilizzare alimentatori ad alta efficienza per ottimizzare i consumi. Di seguito alcune specifiche tecniche: - ampio spettro di temperatura e umidità di lavoro (-10÷+60°C e 20÷90% non condensante) - tensioni ingresso: 90~264 VAC,127~373 VDC - schermatura da disturbi elettromagnetici - protezioni da sovraccarico e sovratensioni - conformi agli standard EMC EN55022 classe A Considerato l’ottimo rapporto qualità prezzo e le caratteristiche tecniche, gli alimentatori industriali 4N-PWR sono adatti anche per applicazioni civili che necessitano 24 o 48VDC. Serie 4N-PWR 24V è disponibile in tre potenze: 45, 60 e 75W. Installata direttamente in quadro elettrico, permette di fornire alimentazione a bassa tensione ad apparati industriali dove sia difficile realizzare un collegamento a 220 VAC. La Serie 4N-PWR 48V con tre modelli - 120W, 240W e 480W - è pensata per alimentare le periferiche PoE: switch e PoE injector, sia come alimentazione ridondante che come alimentazione prevalente. Disponibili nelle potenze 120W, 240W e 480W. Abbinati all’UPS da quadro elettrico DOMO, assicurano continuità elettrica agli apparti collegati.

Controllo bagagli, l’aeromobile al centro del sistema

Soltanto a partire dal 2001, il controllo del bagaglio da stiva è divenuto obbligatorio. E oggi, in base al Programma Nazionale di Sicurezza emanato dall’ENAC, anche il personale e gli equipaggi vengono sottoposti a controlli, alla stessa stregua dei passeggeri.

L’ora del Personal Cloud

Il Cloud Computing comporta il rischio di perdere il controllo di alcuni dati. Per questa ragione, un'alternativa interessante è offerta al Personal Cloud, che sfrutta le risorse proprietarie di un'azienda.

L’arte dell’inganno

Il volume che non dovrebbe mai mancare nella libreria di un Dirigente e di un Amministratore? “L'arte dell'inganno”, del celebre hacker statunitense Kevin Mitnick, nel...

Come gestire flussi e accessi in ambienti dinamici e operativi?

Scioglie i nodi del nostro quesito - illustrandoci un “modello” di gestione della sicurezza portuale, progettato e realizzato in numerosi porti italiani - il professor Fabio Garzia.

Questione di cavi

La corretta scelta dei cavi, anche in termini di dimensione della sezione, è determinante per il corretto funzionamento di ogni impianto di sicurezza.         In un...

Quante reti per la sicurezza?

L'impiego di un'unica infrastruttura fisica, sulla quale fare transitare dati e segnali, non può prescindere dal rispetto degli standard internazionali.

Progettazioni a norma: come valutare il livello di sicurezza

La norma CEI 79-3 ha definito un metodo di valutazione convenzionale del livello di sicurezza, in base al quale un impianto è adeguato al contesto da proteggere quando il livello di prestazione risulta numericamente pari o superiore al livello di rischio.
ph credits: Depositphotos

Speciale Antincendio – Incendi in Italia: quali i numeri e quali...

Negli edifici civili, in Italia si verificano in media tra i 30.000 e i 50.000 incendi all’anno. Lo conferma il Corpo Nazionale dei Vigili...

Le telecamere? Non sempre percepite come elemento di sicurezza

Continua l'excursus sull'affermazione della videosorveglianza nel nostro Paese, scandita da precise tappe legislative che devono tenere conto di una cultura che, contrariamente a quanto accade nei Paesi anglosassoni, antepone alla sicurezza la libertà di movimento e la tutela della privacy.
css.php