Vanderbilt acquisisce Siemens

 

Joseph Grillo, Managing Director di Vanderbilt, ci racconta i retroscena di quella che è l’acquisizione del momento. A lui la parola.

 

Dottor Grillo, quando hanno preso il via le operazioni per l’acquisizione di Siemens Security Products, divisione di Siemens Building Technologies?

L’avvio dell’accordo risale allo scorso ottobre, con completamento della transazione fissato alla fine di aprile.

 

Uno sguardo ai prodotti firmati Siemens Security Products…

In seguito all’acquisizione, Vanderbilt è ora in grado di offrire una linea di prodotti e di soluzioni più ampia, esaustiva. Linea che include dispositivi antintrusione, sistemi di controllo accessi e di videosorveglianza, che vanno a completare il nostro già ricco portfolio. I brand cui fanno capo le nuove apparecchiature sono - per citarne alcuni - Bewator e Cotag per quanto riguarda il controllo accessi e Alarmcom ed Europlex per l’antintrusione.

 

Al di là dell’ampliamento dell’offerta in termini di prodotti, quali scenari si aprono per Vanderbilt dopo tale operazione?

Vandelbilt possiede basi solide e un know how acquisito e consolidato in circa trent’anni di presenza sulla scena mondiale della sicurezza. E questa acquisizione - perfettamente in linea con la nostra politica aziendale - non fa che contribuire a un processo di crescita fatto di innovazione continua. Sono fermamente convinto che le grandi cose accadano quando “si sta insieme”, quando ci si unisce. L’unione di due forze come Vanderbilt e Siemens non può che recare beneficio ai clienti e ai partner di entrambi. Da un punto di vista strategico, per Vanderbilt l’acquisizione si tradurrà in un’espansione del proprio mercato di riferimento. Allo stesso tempo, numerosi saranno i benefici per i clienti e i rivenditori storici di Siemens a livello europeo, in quanto il nuovo business - il cui quartier generale si trova a Wiesbaden, in Germania - sarà focalizzato proprio sull’attenzione al cliente, sulla fluidità dello scambio e su una risposta più rapida e puntuale alle esigenze del mercato.

 

Progetti futuri?

La nostra lunga esperienza - sia in Nord America che in Europa - ci conferma che il trend che vede i sistemi di sicurezza sempre più integrati e le soluzioni sempre più “aperte”, è destinato a proseguire. Il nostro obiettivo è quello di continuare a offrire tali soluzioni a una fascia sempre più ampia di pubblico, ma con l’agilità, la rapidità di risposta, il supporto e l’attenzione al cliente che il mercato richiede. In futuro - forti della nostra impronta internazionale e di un’offerta davvero completa, in grado di soddisfare i bisogni di ogni specifico segmento di mercato - intendiamo arrivare a coprire aree geografiche sempre più ampie.

 

Paola Cozzi

Responsabile Rivista Sicurezza

Pubblica i tuoi commenti