RESIDENZE PRIVATE – Puntuale sistema anti-sequestro per la messa in sicurezza di una villa d’epoca con parco, piscina e percorso salutistico.

 

Venti tecnici e circa tre anni di lavoro: questo lo spiegamento di forze e di tempo impiegati per la messa in sicurezza di una villa d'epoca con parco, piscina e percorso salutistico.

 

Una grande villa con parco, piscina e percorso salutistico. Un comprensorio molto esteso e diversificato, in quanto racchiude ambiti di natura diversa.

Per tal emotivo, gli interventi sono stati molteplici e differenziati, a seconda delle caratteristiche e della posizione delle differenti aree da proteggere.

A ridosso del bordo esterno, ad esempio, è stato installato un sistema perimetrale perfettamente mimetizzato, che consente di rilevare eventuali tentativi di arrampicamento, sfondamento e taglio della rete e della recinzione metallica.

In più, sotto i prati che si trovano in prossimità del perimetro esterno, è stato inserito un secondo anello di protezione.

Sempre nel sottosuolo, un ulteriore apparato garantisce la sicurezza delle terrazze e di tutte le aree pavimentate.

A completamento dell’impianto antifurto, sono stati installati punti di contatto magnetico che segnalano l’apertura di ogni singolo serramento esterno, integrati, dove necessario, da rivelatori volumetrici.

Al sistema antintrusione si integra l’impianto di videosorveglianza, composto da telecamere interne ed esterne e completato da due server di archiviazione digitale, che consentono la visione, la registrazione, l’esportazione e la trasmissione delle immagini salvate.

Tramite il telecomando che aziona il cancello di ingresso, il sistema antifurto non soltanto disabilita automaticamente e temporaneamente l’area interessata a ogni accesso e uscita degli abitanti, ma questi ultimi vengono “accompagnati” virtualmente dall’operatore della società di vigilanza, che segue dalla centrale operativa le immagini riprese dalle telecamere.

L’impianto di home automation comunica con gli abitanti tramite appositi schermi touch screen a parete, dislocati in più punti, interni ed esterni all’abitazione.

Da questi monitor è possibile azionare qualsiasi componente e visualizzare in tempo reale la condizione - di funzionamento regolare o di anomalia - dei sistemi elettrici, idraulici e di sicurezza.

L’impianto antifurto è, poi, integrato da un apparato di controllo accessi, in grado di riconoscere ciascun utente grazie a lettori biometrici.

Anche il sistema di telefonia consente la gestione dell’apertura del cancello di ingresso mediante telefoni cordless dect, distribuiti a servizio dell’abitazione.

È stata, inoltre, creata una rete wireless LAN, che copre non solo la casa ma anche gli spazi esterni.

Questa raffinatezza tecnologica permette all’utente di connettersi ai sistemi di home automation con qualsiasi dispositivo informatico e da svariate postazioni, interne ed esterne.

 

La parola all’installatore

Alcune domande a Stefano Lancini, responsabile tecnico-commerciale di IPS Sistemi, l’azienda autrice dell’impianto illustrato.

 

Su quali dimensioni si estende la residenza oggetto dell’intervento?

La villa copre circa 2.400 metri quadrati ed è circondata da un’area collinare a diversi livelli, che occupa 12.000 metri quadri complessivi.

 

Quali le esigenze di sicurezza del cliente?

Ci è stato chiesto un impianto di sicurezza e di automazione domestica che fosse affidabile e al tempo stesso di facile gestione, sia da parte dei componenti della famiglia che del personale di servizio.

 

Circa tre anni di lavoro: un tempo di realizzazione piuttosto lungo…

Questo perché, trattandosi di un edificio oggetto di un intervento di ristrutturazione totale, si è proceduto in collaborazione con l’impresa edile e con gli altri operatori coinvolti, studiando soluzioni su misura a mano a mano che i lavori avanzavano.

 

I tratti distintivi del sistema installato?

In primo luogo, l’integrazione - su un’unica piattaforma interattiva - di tutti i sistemi, vale a dire gli impianti idraulici, elettrici, meccanici, le automazioni domestiche e la comunicazione informatica e telefonica, sia dalla proprietà verso l’esterno che all’interno della tenuta stessa. Il sistema di sicurezza installato è veramente anti-sequestro, in quanto è in grado di proteggere l’abitazione anche quando è abitata, tutelando in modo non invasivo tutti coloro che vi abitano. Tutte le soluzioni sono, poi, inserite in modo da non turbare l’armonia di uno scenario di grande bellezza.

 

Cozzi Paola

Responsabile Rivista SICUREZZA

Pubblica i tuoi commenti