Sony ottimizza l’integrazione analogico-IP

Con il lancio della nuova linea di encoder video, l’azienda rafforza l’offerta di tecnologia ibrida.

Con il lancio della nuova serie di encoder video SNT-EX/EP, Sony rafforza la sua offerta di tecnologia ibrida, che consente agli utenti di integrare in modo trasparente le unità analogiche e i dispositivi IP.
La nuova gamma garantisce, a chiunque utilizzi un sistema analogico, di ottenere le immagini di qualità superiore normalmente associate alla tecnologia IP.
Le esclusive tecnologie VE e XDNR di Sony ottimizzano la qualità visiva dei segnali originali, permettendo contemporaneamente la conversione dei segnali video analogici in un flusso digitale utilizzabile su reti IP.
Questa possibilità favorisce l'integrazione tra i sistemi durante la migrazione dalle soluzioni analogiche esistenti a quelle IP, oltre a migliorare sensibilmente l'esperienza d'uso generale.
L'accesso alla tecnologia IP è ulteriormente agevolato dall'ampia scelta di modelli a 1 e 4 canali e di stazioni in rack 1U e 3U che accettano configurazioni blade a 4 canali, oltre che dal fatto che tutti gli encoder supportano il doppio streaming dei formati video H.264/JPEG, H.264/MPEG-4 o MPEG-4/JPEG alla massima risoluzione.
Spesso, le tecnologie di videosorveglianza faticano a produrre immagini di alta qualità, a causa delle difficili condizioni di illuminazione create dal forte contrasto degli ambienti.
La speciale tecnologia VE (Visibility Enhancer) di Sony risolve efficacemente questo problema, eseguendo un monitoraggio dinamico dei livelli di segnale durante l'acquisizione e l'elaborazione delle immagini.
Questa tecnica riduce i livelli di luminosità estremi all'interno della scena e aumenta sensibilmente il livello di luminosità nelle aree più scure, migliorando la qualità e la chiarezza complessiva delle immagini.
L'acquisizione in condizioni di illuminazione sfavorevoli è ulteriormente migliorata dalla tecnologia XDNR - eXcellent Dynamic Noise Reduction, anch'essa integrata nella nuova gamma.
La registrazione delle immagini con sistemi Tvcc in ambienti poco illuminati comporta spesso elevati livelli di disturbo, dovuti all'amplificazione del segnale e all'effetto scia, causati dalla bassa velocità dell'otturatore.
Grazie ai sofisticati metodi di elaborazione del segnale 2DNR e 3DNR, la tecnologia XDNR riduce drasticamente i disturbi casuali e fissi e, allo stesso tempo, elimina la sfocatura alla base dell'effetto “scia'”.
L'offerta è completata dalle esclusive funzioni di analisi audio e video DEPA Advanced, che ottimizzano il funzionamento delle telecamere analogiche arricchendole di capacità aggiuntive, tra cui una maggiore sicurezza.

Pubblica i tuoi commenti