Roma, inaugurato il sistema di sicurezza della Biblioteca Nazionale Centrale

 

Nell’ambito delle proprie attività volte alla protezione del patrimonio culturale italiano, la Fondazione Enzo Hruby ha sostenuto, in collaborazione con il Gruppo DAB di Roma, un intervento di grande rilevanza per l’implementazione e l’adeguamento di una parte dei sistemi di sicurezza della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma.

 

Il progetto è stato presentato e inaugurato a Roma lo scorso 29 settembre con gli interventi di Andrea De Pasquale, Direttore della Biblioteca Nazionale Centrale, Carlo Hruby, Vice Presidente della Fondazione Enzo Hruby, e Pierluigi Aloisi, Presidente del Gruppo DAB. Ha moderato l’incontro Armando Torno, editorialista del Sole 24 Ore.

La Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, con i suoi 60mila metri quadri, è la più grande del nostro Paese, quella chiamata a raccogliere e conservare l’intera produzione editoriale italiana e a valorizzare i propri beni.

Un luogo votato alla conservazione - parliamo di 7 milioni di volumi, 8.000 manoscritti, 120.000 autografi, 2.000 incunaboli, 25.000 edizioni del XVI secolo, 20.000 carte geografiche, 10.000 fra stampe e disegni, oltre a 50.000 testate di periodici e 34.000 tesi di dottorato - e allo stesso tempo una sede di eventi espositivi, di incontri e di promozione culturale.

Il progetto di protezione della Biblioteca Nazionale Centrale si colloca nel solco del percorso intrapreso dalla Fondazione per la protezione del patrimonio librario del nostro Paese, che si è già concretizzato in questi anni in numerosi interventi destinati ad altrettanti beni e luoghi di straordinario valore: dalla Biblioteca del Sacro Convento di Assisi alla Biblioteca di Santa Croce a Firenze, dalla Fondazione Giorgio Cini sull’Isola di San Giorgio a Venezia ai manoscritti della Biblioteca Apostolica Vaticana durante la loro digitalizzazione, dalla Biblioteca di Casa Leopardi a Recanati all’Archivio Capitolare della Basilica di Sant’Ambrogio e alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano.

Il Gruppo DAB, azienda Amica della Fondazione, è intervenuta in diverse aree della struttura, avvalendosi delle più moderne tecnologie di sicurezza e di videosorveglianza oggi disponibili a livello mondiale.

L’intervento ha interessato Spazi900 - l’area espositiva inaugurata nel 2015 per valorizzare il patrimonio letterario novecentesco custodito dalla Biblioteca Nazionale Centrale - il percorso dedicato alle mostre temporanee, il bookshop e la Sala Conferenze.

La soluzione realizzata ha previsto, inoltre, la centralizzazione dei sistemi di sicurezza attraverso la fornitura di una piattaforma di supervisione e gestione in grado di offrire un controllo globale, integrato ed evoluto dei singoli sensori e apparati.

“Con questo progetto - ha dichiarato Carlo Hruby - proseguiamo il nostro impegno per la protezione del patrimonio librario del nostro Paese. Un tema che ci è caro, anche perché i libri, tra i beni culturali, sono gli oggetti più difficili da proteggere e anche i più rubati: solo nel 2015 ne sono stati sottratti ben 2.102, collocandosi al primo posto tra gli oggetti trafugati. Da qui la necessità di proteggerli adeguatamente nei luoghi in cui sono conservati, attraverso gli strumenti più evoluti offerti dalle tecnologie di sicurezza e di videosorveglianza. Ecco che questo progetto, destinato alla più importante biblioteca del nostro Paese e realizzato grazie alla collaborazione virtuosa tra pubblico e privato, si pone come modello di eccellenza e vuole essere anche un modo per sensibilizzare altre realtà verso il tema della protezione degli straordinari beni conservati nelle biblioteche d’Italia”.

Pubblica i tuoi commenti