Sprinx Technologies monitora il tunnel urbano più lungo d’Italia

Il 3 aprile è stata aperta alla circolazione la galleria artificiale di Monza. A fornire il sistema video per il monitoraggio e l’analisi del traffico, Sprinx Technologies, società di engineering e sviluppo software dedita alla progettazione e fornitura di sistemi di videosorveglianza integrata.

Lo scorso 3 aprile è stata aperta al traffico la galleria artificiale di Monza
che, con i suoi 1.805 metri, è tra i tunnel urbani più lunghi d'Italia e
d'Europa.

La galleria, realizzata nell'ambito dei lavori di connessione tra
la strada statale 36 e il sistema autostradale di Milano, attraversa la città
di Monza, convogliando al di sotto dell'attuale statale il traffico di lunga
percorrenza e liberando la zona superficiale, ovvero il viale Lombardia,
che - interamente riqualificato - resterà a disposizione del traffico locale.

"La galleria - ha sottolineato Pietro Ciucci, Amministratore Unico di Anas - è dotata dei più moderni e avanzati
sistemi di sicurezza, che ne fanno un vero e proprio fiore all'occhiello del territorio, dal punto di vista
tecnologico e funzionale
”.

Sprinx Technologies è stata selezionata e ha fornito il sistema TVCC per il monitoraggio e l’analisi del
traffico in galleria.
Nel dettaglio, il sistema video si compone di 74
telecamere IP
ad alta risoluzione, di cui 40 installate all’interno
della galleria
(metà nella canna sud direz. Milano, metà nella
canna nord direz. Lecco) con funzione di
monitoraggio e analisi traffico, 2 speed dome
IP
con zoom 26x all’entrata ed uscita della
galleria, 6 speed dome sempre IP con zoom
26x all’interno della galleria per un controllo
panoramico o su evento e 26 telecamere IP
Day&Night
a monitoraggio dei luoghi sicuri.

Gli stream video di tutte le telecamere
arrivano, oltre che ai server di videoregistrazione Sprinx DOMINO, dedicati alla
memorizzazione in continuo, ai server di Automatic Incident Detection, SX-TRAFFIC.
Il software SX-TRAFFIC
attraverso sofisticati algoritmi di motion detection e object tracking, permette il
riconoscimento di situazioni anomale (veicolo fermo, coda, traffico lento, veicolo
contromano, presenza di pedoni e fumo in galleria) e la loro automatica traduzione
in allarmi (a supporto dell’operatore) o informazioni da memorizzazione a fini
statistici (conteggio e classificazione veicoli, rilevazione della velocità media di
transito e densità del traffico).

I server SX-TRAFFIC sono inoltre interfacciati ai server di NVR, Sprinx DOMINO, consentendo così di
integrare non solo una registrazione storica in continuo ma anche di creare archivi di sequenze video (ad
alta risoluzione e frame rate, di pre e post allarme) relative agli allarmi generati dai sistemi di analisi.

La gestione dell’intero sistema TVCC e di tutti gli apparati che lo compongono, è delegato al controllore di
testa, Sprinx TVM (Total Video Monitoring), un sistema basato su
tecnologia Web server che crea un data base contenente tutti gli
eventi di allarme e fornisce lo stato diagnostistico di tutti gli apparati
TVCC.

Il server TVM svolge inoltre la funzione di gateway con il
sistema di supervisione superiore SCADA presente nella cabina
controllo locale, consentendo così una piena integrazione del
sistema TVCC, sia a livello di diagnostica delle avarie dei singoli
apparati, sia a livello di segnalazioni di allarme.

Il monitoraggio del
sistema TVCC avviene sia localmente - attraverso il client di
visualizzazione Sprinx DOMINO dotato di 2 monitor 19” dedicati al monitoraggio delle zone sicure e 2
monitor 27” riportanti ciascuno le immagini in sequenza delle singole canne - sia remotamente, presso le
sale operative ANAS del Compartimento Lombardia, in cui è presente un’ulteriore postazione di controllo

Pubblica i tuoi commenti