Premio H d’oro – Intervista con Carlo Hruby – Tutto il valore della sartorialità e della creatività

Dal 2006 il Premio H d’oro continua a crescere con un’unica missione: riconoscere la capacità di installatori e system integrator di realizzare una sicurezza su misura. La consegna delle targhe di questa ultima edizione si è svolta a Sicurezza 2019. «Dove siamo nati - ha sottolineato il vicepresidente della Fondazione Enzo Hruby, Carlo Hruby - per condividere la cultura della sicurezza con tutti gli operatori del settore»

«Dopo 14 anni dalla prima edizione, il Premio H d’oro è ancora una iniziativa unica e non ha perso la sua carica “rivoluzionaria” in un settore che tende a premiare i prodotti e i costruttori». È Carlo Hruby, vicepresidente della Fondazione Enzo Hruby, a sintetizzare l’anima e il cuore del Premio H d’oro che, per questa sua quattordicesima edizione, è tornato in fiera a Sicurezza, «dove siamo nati - come ha sottolineato anche nel suo discorso di apertura della serata di premiazione - perché è importante che la cultura della sicurezza venga sempre più condivisa tra gli operatori del settore».

Giovedì 14 novembre scorso, infatti, nel cuore della biennale internazionale milanese dedicata ai professionisti del settore, sono stati consegnati i riconoscimenti che hanno premiato le migliori realizzazioni di sistemi di sicurezza in Italia ma anche oltre confine.

I progetti candidati quest’anno al concorso organizzato dalla Fondazione Enzo Hruby erano 178; la Giuria ne ha ammessi alla finale 62, tutti naturalmente di altissimo livello e omaggiati di una targa celebrativa. 14 sono stati i Premi H d’oro assegnati, cui si sono aggiunti il Premio Speciale Sicurezza su Misura e due Menzioni Speciali (leggi il nostro articolo: "Premio H d’oro – La consegna delle targhe ai vincitori durante Sicurezza 2019").

Il Premio, prima di tutto

Curiosamente, il Premio H d’oro nasce prima della Fondazione. «Anzi - spiega Hruby - è stata proprio l’iniziativa del Premio a darci l’idea di creare la Fondazione e di impegnarci in maniera così forte per diffondere la cultura della sicurezza». Il Premio H d’oro, infatti, gestito dalla Fondazione, in realtà affida a una Giuria esterna e qualificata tutta la parte della scelta dei candidati, della selezione dei finalisti e, infine, l’elezione dei vincitori.

La Giuria comprende docenti del Politecnico - in grado quindi di valutare gli aspetti più tecnici delle realizzazioni - ma anche rappresentanti di categoria e giornalisti, che possono considerare invece quella che possiamo definire la “percezione” della sicurezza.

Questa quattordicesima edizione - presieduta da Enzo Hruby - ha visto prendere posto in giuria Gianni Andrei, presidente onorario di AIPROS - Associazione Italiana Professionisti della Sicurezza, Stefano Bellintani, docente al Politecnico di Milano - Dipartimento BEST, l’onorevole Federica Rossi Gasparrini, presidente nazionale Obiettivo Famiglia - Federcasalinghe, e Armando Torno, editorialista de Il Sole 24 Ore.

Contro il dilagare della standardizzazione

La mission del Premio H d’oro è «premiare e valorizzare la sartorialità delle soluzioni che i migliori integratori riescono a proporre contro il dilagare della standardizzazione», sottolinea il vicepresidente della Fondazione. 

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Se sei abbonato, fai per visualizzare il contenuto, altrimenti abbonati

Sei abbonato a Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrandoti qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento, entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome