MONITORAGGIO TRAFFICO – Dall’esigenza del Comune di Prato – che necessitava di una soluzione intelligente per il monitoraggio del traffico – ha origine un sistema in grado di elaborare statistiche riguardo a numero, tipologia e velocità dei veicoli in transito.

 

Il Comune di Prato necessitava di una soluzione per il monitoraggio del traffico in grado di raccogliere dati puntuali sulla circolazione e sul numero di veicoli che entravano e uscivano dalla città, con l’obiettivo di individuare e dimensionare correttamente nuovi interventi infrastrutturali.

Da qui ha preso corpo una soluzione che vede sei telecamere IP Axis P3364 e un software - studiato e sviluppato ad hoc - a bordo di ognuna.

Telecamere e software, insieme, danno vita alla funzione Vehicle Counter per il monitoraggio dei flussi di traffico, applicazione attraverso la quale è possibile condividere filmati in HD dal vivo, ripresi in autostrade, incroci, tunnel, ponti e principali percorsi.

I vantaggi? Innanzitutto, quelli per i centri di gestione del traffico, che possono così reindirizzare velocemente i veicoli sulle strade e ridurre le congestioni. Poi i vantaggi per i servizi di emergenza, che possono rapidamente individuare il percorso migliore e più rapido per arrivare a destinazione; per le stazioni radio, in grado, così, di fornire informazioni dettagliate sulla circolazione agli ascoltatori e, infine, per gli utenti stessi, che possono accedere a filmati dal vivo in Internet e prendere decisioni sul viaggio basandosi sulla situazione in tempo reale.

L’applicazione consente di posizionare un numero arbitrario di sensori virtuali e di decidere come aggregarne le statistiche.

La configurazione dei sensori può essere impostata attraverso l’apposita Web application installata a bordo telecamera e servita dal Web server integrato.

Le statistiche vengono memorizzate e rese disponibili per il download e l’analisi su base giornaliera, permettendo di risalire al dettaglio di tutti i passaggi registrati in ogni momento della giornata.

Il sistema consente un rilevamento in tempo reale del passaggio di ogni veicolo, con stima della velocità e della dimensione degli stessi configurabili in classi.

È, inoltre, in grado di produrre dati aggregati per ogni corsia di percorrenza delle strade e di segnalare il numero di veicoli in transito con un’accuratezza del 91% stimata su dataset reale.

L’impianto è in grado di funzionare di giorno e di notte, in differenti condizioni meteo e di illuminazione, con traffico intenso, rallentato o con formazione di code.

La memorizzazione opzionale dei dati di traffico - o di video e di immagini a intervalli configurabili - avviene direttamente su scheda SD installata a bordo della telecamera.

 

Il punto di forza di Vehicle Counter? La capacità di adattarsi a molteplici setup

La progettazione e la realizzazione del sistema descritto sono state affidate a Magenta Lab, partner di Axis Communications. Walter Nunziati, titolare dell’azienda, scandisce per noi alcuni passaggi del progetto avviato nel 2012 e completato l’anno successivo.

 

Qual è stato il punto di partenza?

Il comune di Prato aveva in corso una serie di attività di rinnovamento della rete viaria, con l’introduzione, in particolare, di nuove rotatorie e di nuove vie, costruite nella zona in cui era stato realizzato il nuovo ospedale. Il punto di partenza, dunque, è dato da una situazione di cambiamento, per la cui progettazione era necessario conoscere i flussi di ingresso e di uscita dalla città. Soprattutto quei flussi che afferivamo alle zone oggetto del rinnovamento.

Come nasce Vehicle Counter?

L’applicazione nasce dall’incontro tra le telecamere di rete Axis e il software studiato da Magenta Lab. Sviluppata per l’Axis Camera Application Platform, può essere installata a bordo di numerosi modelli di telecamere Axis e fornisce statistiche significative riguardo il numero, la tipologia e la velocità stimata dei veicoli in transito sulle corsie inquadrate. Ha la particolarità di risiedere a bordo delle stesse telecamere, dunque non richiede l’installazione di un server di elaborazione video esterno.

Un altro punto di forza dell’applicazione?

La capacità di adattarsi a molteplici setup. Il che significa lavorare lateralmente rispetto alla strada piuttosto che frontalmente o con la classica vista dall’alto. Questo ci ha permesso di installare il sistema nei vari punti in cui era necessario, senza la necessità di creare infrastrutture dedicate al supporto delle telecamere, ma utilizzando quelle esistenti.

 

Paola Cozzi

Responsabile Rivista SICUREZZA

 

Pubblica i tuoi commenti