Sicurezza, cloud e open source

Impedire la diffusione incontrollata di dati personali in azienda è sempre più difficile. Le misure da prendere vanno dalla formazione del personale all’organizzazione dei flussi lavorativi, fino alla messa in atto delle giuste metodiche nell’utilizzo delle più recenti tecnologie informatiche.

Dati sottochiave?

Se gli esperti informatici concordano sulla necessità di adottare sofisticate soluzioni software, gli esperti di sicurezza non si accontentano del fatto che il server venga isolato dalla rete elettrica e da quella di comunicazione. Il loro desiderio è che l'apparecchio venga posto sotto chiave.

Smartphone, tablet e privacy

La diffusione di smartphone e tablet comporta una serie di rischi per la privacy non ancora presi in considerazione dall’utente. Ma i dati contenuti possono facilmente sfuggire al controllo del proprietario, anche nel caso delle recenti - ma controverse - integrazioni con misure di tutela biometrica

Le reti video, gli installatori e la Legge

Secondo il “Decreto del Fare” dello scorso agosto, chi installa una rete - comprese quelle destinate a trasportare i segnali ripresi dalle telecamere - non è più tenuto a certificare il proprio lavoro.

Protezione dei dati: chi è il responsabile?

L’art. 35 del Nuovo Regolamento europeo sulla Privacy prende in esame la figura del responsabile della protezione dei dati, precisandone ruolo e funzioni e sottolineandone la centralità rispetto all’osservanza dei principi di correttezza, liceità e adeguatezza del trattamento.

Punti vendita, più intelligence nella prevenzione

La prevenzione di furti e di incidenti all'interno dei punti vendita può essere implementata anche attraverso sistemi in grado di catalogare e analizzare tutti gli eventi. La parola a Diego Coco, presidente del Consorzio Intrasecur Group, attivo da anni nell’ambito dei servizi di sicurezza.

Snowden e la tela di PRISM

Il sistema PRISM - del quale si parla dallo scorso giugno a seguito delle rivelazioni fatte da Mark Snowden - è l'evoluzione di Echelon, essendo basato sulla gestione di informazioni provenienti dalla rete Internet, acquisite grazie agli accordi tra NSA e le grandi compagnie di comunicazione del Web

Chiunque può installare una rete?

Il cosiddetto “Decreto del Fare” - D.L. 69/2013, GU del 21/06/2013 - liberalizza la realizzazione delle reti di telecomunicazione. Che significa? Che chiunque può installare una rete, di qualunque dimensione e complessità, senza possedere una specifica qualifica e senza alcun obbligo progettuale.

Sicurezza urbana: teoria, pratica e denuncia

“La sicurezza è un bene comune essenziale, indissociabile da altri beni comuni quali l’inclusione sociale, il diritto al lavoro, alla salute, all’educazione e alla cultura.” Sono queste le parole che, nel 2006, sanciscono il “Manifesto di Saragozza sulla sicurezza urbana e la democrazia”.

Privacy, luci e ombre

Prosegue l'analisi del Nuovo Regolamento europeo sulla Privacy, del quale non sfuggono approssimazioni e incongruenze, in particolare, negli articoli dedicati alle modalità di comunicazione tra gli interessati e le nuove figure alle quali è demandata la funzione di acquisizione e trattamento dati.
css.php