Analogico & IP, nel rispetto del contesto storico

Accurato intervento a Cava de’ Tirreni, che integra, senza soluzione di continuità, moderne tecnologie in uno storico tessuto urbano.

Il Comune di Cava de’ Tirreni, in provincia di Salerno, sorge a ridosso della costiera amalfitana - di cui rappresenta la porta nord - ed è noto per il suo patrimonio artistico e culturale, che risale all’epoca romana
Impegnato a garantire ai propri abitanti e ai turisti servizi efficienti in termini di sicurezza, il Comune sentiva l’esigenza di adeguare e ampliare il sistema di videosorveglianza, così da consentire alla Polizia Locale di monitorare la viabilità urbana, gli edifici pubblici e storici, rispettando la tutela della privacy dei cittadini.
Inoltre, la soluzione del controllo del territorio sarebbe servita come elemento di deterrenza contro attività illecite.
Sedab Impianti, azienda che opera come partner tecnologico della Pubblica Amministrazione cittadina, ha realizzato un sistema di videosorveglianza over IP basato sulle telecamere e sui video server Axis Communications, che comprende sei video encoder e dodici telecamere dislocate nelle aree a rischio.Il progetto, studiato per il Comune di Cava de’ Tirreni nel tentativo di tutelare il patrimonio artistico e di proteggere i cittadini da eventuali atti di vandalismo e criminalità ma, anche, per migliorare e rendere sempre più ordinata la viabilità urbana, è composto da diciotto telecamere disposte sul territorio e connesse su rete in fibra ottica e in tecnologia wireless.
La progettazione dell’intervento ha richiesto, subito dopo il soddisfacimento funzionale e tecnico dei requisiti, di mettere in moto la capacità aziendale a rendere “sostenibile” l’intervento.
È stata messa in campo la perfetta conoscenza dei luoghi e la relativa “sensibilità” di interpretazione, per indirizzare in primis la scelta delle possibili forniture commerciali e, subito dopo, gli interventi correttivi necessari sui materiali, così da renderli perfettamente compatibili con la linea estetica individuata.
Il criterio di misura adottato è stato quello di non rilevare discontinuità rispetto alle suggestioni e atmosfere proposti dai siti interessati.

Soluzione integrata e flessibile
Sul territorio sono presenti tre telecamere Axis modello 233D e nove Axis Q6032-E, per monitorare le strade principali e le piazze del centro storico, oltre alle piazze dei centri urbani periferici.
Axis 233D e Axis Q6032-E consentono di visualizzare in rete video di alta qualità, in formato Mpeg-4 e H.264, in tutte le condizioni di illuminazione
Le dome camera Axis possono ruotare di 360° con grande velocità - e, al contempo, notevole precisione - ed essere impostate su cinquanta posizioni predefinite e utilizzate per ronde di ispezione.
I comandi PTZ, rapidi e precisi, selezionabili con il mouse, consentono di ottimizzare il puntamento dei dispositivi nei punti critici dell’area monitorata.
Sono, inoltre, presenti sei video server Axis 243SA, per il recupero e l’integrazione delle sei dome camera presenti in alcune aree del Comune.
Axis 243SA, permettendo di ricevere un flusso analogico e di trasmetterlo su protocollo IP, ha, infatti, lo scopo di favorire la migrazione dei sistemi analogici verso quelli digitali, ideali per le applicazioni di videosorveglianza e monitoraggio remoto.
Le apparecchiature sono connesse al centro di controllo mediante una dorsale in fibra ottica Gigabit - che collega tredici telecamere - e una dorsale wireless che, tramite ponti in tecnologia bridge cinque ghz, collega altre cinque telecamere. Il centro di controllo è situato presso il Comando della Polizia Locale, dove vengono inviate le immagini e archiviate le registrazioni.
Per garantire il pieno rispetto della privacy, l’accesso e il controllo dei dati raccolti è consentito esclusivamente ai responsabili del corpo di Polizia Locale, della Questura e dei Carabinieri.
Le immagini registrate restano in archivio per un tempo stabilito di tre giorni, mentre l’applicativo utilizzato è il software Artico-Logic di Arteco IVS.
La realizzazione del progetto si è rivelata molto utile per Cava de’ Tirreni, perché, oltre a rilevare gravi minacce, le telecamere installate in aree pubbliche fungono da deterrente contro attacchi alle persone, furti e atti vandalici.
La flessibilità della soluzione Axis, oltre a integrare nel nuovo sistema le telecamere analogiche esistenti, offre la possibilità, in futuro, di poter ampliare e implementare nuove applicazioni.
Il Comune è pienamente soddisfatto dai risultati positivi offerti del sistema installato.
L’Amministrazione comunale di Cava de’ Tirreni - commenta Vincenzo Passa, assessore alla Polizia Municipale, mobilità, protezione civile e sicurezza - da sempre attenta alle politiche della vivibilità dei cittadini, dotandosi di uno strumento tecnologicamente avanzato ha visto innalzarsi i livelli di sicurezza, inducendo nel cittadino la consapevolezza di essere adeguatamente tutelato”.
La soluzione adottata ha permesso di soddisfare appieno le esigenze del cliente. Ne è testimonianza palese la volontà, in futuro, di ampliare l’area sorvegliata.

Pubblica i tuoi commenti