Analisi – UPS-LIT24DP Mach Power – Tensioni sotto stretto controllo

UPS-LIT24DP di Mach Power

L’UPS-LIT24DP di Mach Power è un gruppo di continuità di tipo Line Interactive (Voltage Independent) capace di garantire un’uscita sinusoidale pura con una capacità di 2400VA/1800W, dotato di DSP a controllo digitale e display Lcd, funzioni Boost e Buck AVR per la stabilizzazione della tensione e diversi automatismi che preservano l’efficienza delle batterie e garantiscono la massima sicurezza e l’operatività 24/7 di pc, server e sistemi di videosorveglianza

Uno dei principi cardine su cui si fondano gli impianti di sicurezza è l’operatività h24 garantita anche in caso di blackout elettrici, casuali oppure intenzionali (tentativo di sabotaggio). Se negli impianti di antintrusione è sempre prevista una soluzione “tampone”, ovvero la batteria ricaricabile, in quelli di videosorveglianza che utilizzano telecamere, DVR/NVR, pc e server, decisamente più “assetati” di energia, bisogna invece ricorrere a soluzioni esterne più potenti e sofisticate come gli UPS.

Acronimo del termine anglosassone “Uninterruptible Power Supply”, che tradotto in italiano significa “gruppo di continuità”, gli UPS sono stati inizialmente impiegati solo in ambito professionale e industriale. Nell’ultimo decennio, però, si sono diffusi anche nelle abitazioni, nei negozi e nei piccoli uffici grazie ai processi di miniaturizzazione e alla riduzione dei costi di produzione resi possibili dall’evoluzione tecnologica.

Un UPS non è fondamentale solo per mantenere sempre attivo un sistema elettrico o elettronico ma anche per filtrare e stabilizzare la tensione di rete, eliminando interferenze e picchi di tensione che possono danneggiare i delicati circuiti elettronici dei moderni dispositivi digitali.

Non tutti gli UPS in commercio offrono le stesse prestazioni e la scelta del modello più adatto alle singole esigenze richiede la conoscenza delle caratteristiche e delle funzionalità.

L’UPS-LIT24DP di Mach Power rappresenta la punta di diamante della linea Pure Visual: con i suoi 2400VA/1800W di capacità, generati attraverso un’onda sinusoidale pura (e non pseudo/simulata come in altri UPS della stessa fascia di prezzo), il DSP che governa tutte le funzionalità e gli automatismi, il display Lcd multifunzione e la connettività Usb, rappresenta una delle soluzioni di backup con il miglior rapporto prezzo/prestazioni attualmente sul mercato.

Line Interactive con onda sinusoidale pura

Tutti gli UPS sono dotati di una o più batterie al piombo da 12 Vcc (3 da 9 Ah nel nostro caso), un alimentatore con funzione di ricarica delle batterie, un raddrizzatore che stabilizza la corrente alternata in entrata (AC) trasformandola in corrente continua (DC), un inverter che trasforma la corrente continua (DC) ottenuta dall’alimentatore o dalla batteria (in caso di black-out) in corrente alternata “pulita” (AC) che verrà poi utilizzata dalle periferiche collegate.

A differenza degli UPS economici di tipo “offline” (VFD - Voltage Frequency Dependent), con tempo di intervento di 2-4 ms ed uscita dipendente dalla tensione di alimentazione e dalle variazioni di frequenza, e di quelli professionali “online” (VFI - Voltage Frequency Independent) con latenza zero e pieno controllo di  tensione e frequenza, il LIT24DP di Mach Power appartiene alla categoria dei Line Interactive (VI - Voltage Independent), ovvero il giusto compromesso tra rapidità di intervento, qualità dell’uscita e prezzo finale. La tensione in ingresso viene filtrata e riportata nei valori di tolleranza tramite un dispositivo chiamato AVR (Automatic Voltage Regulation) e, qualora il disturbo sia consistente oppure si manifesti un blackout, l’inverter attiva le batterie alimentando con corrente “pulita” i dispositivi collegati con un ritardo di circa 2-4 ms (funzione Auto Switching).

A differenza di altri UPS Line Interactive e come nei migliori UPS Online, il LIT24DP è capace di generare una onda perfettamente sinusoidale, cioè identica (se non addirittura migliore) a quella originale fornita dalla rete, così da non alterare le prestazioni e l’affidabilità dei carichi collegati.

La progettazione elettrica ottimizzata permette di ottenere un’efficienza fino al 98%, riducendo così i costi e gli sprechi. (...)

Per leggere l'articolo completo, abbonati a Sicurezza!

Pubblica i tuoi commenti