Roadshow Geoquip

Due tappe per il Roadshow sulla sicurezza perimetrale organizzato dall’azienda inglese.

Geoquip - azienda britannica attiva nella progettazione di sistemi di protezione perimetrale - ha organizzato un Roadshow in due tappe: il 29 ottobre presso l'Ambasciata Britannica a Roma e il 3 novembre presso il Consolato Generale Britannico.
Nel corso di questi due incontri vengono illustrati i vantaggi dei prodotti Geoquip, utilizzando case study provenienti dall’Inghilterra e riguardanti la protezione perimetrale di banche, porti mercantili, aeroporti, carceri, basi militari e stazioni delle Forze dell’Ordine, depositi, raffinerie di lavorati petroliferi, industrie chimiche e farmaceutiche, centrali elettriche.
Infatti, oltre a fornire attrezzature per importanti progetti internazionali di protezione, Geoquip ha acquisito una considerevole esperienza nello sviluppo di efficaci sistemi di sicurezza che, oltre a proteggere nella più assoluta riservatezza lussuose residenze private, tutelano installazioni militari, Istituti penitenziari e ospedali psichiatrici, porti, enti governativi, depositi della distribuzione all'ingrosso e al dettaglio, impianti petroliferi, gas e nucleari, aree di confine, aeroporti, aziende elettriche e di telecomunicazione in tutto il mondo.
Tra le installazioni già eseguite, si annoverano le strutture dei Vigili del Fuoco di Los Angeles, oltre a impianti di telecomunicazione satellitare in Indonesia e centrali nucleari in Europa.
È necessario anche ricordare che da molti anni Geoquip garantisce la sicurezza negli istituti penitenziari di tutto il mondo.
Oltre a quelli del Regno Unito, i sistemi Geoquip sono stati installati presso più di quaranta altri istituti di detenzione negli Stati Uniti, in Francia, Australia, Taiwan, Paesi Bassi e Medio Oriente.

Istituti di credito e siti militari
Da più di un decennio, Geoquip si conferma leader nella progettazione e fabbricazione di sistemi di rivelazione perimetrale, sia per interno che per esterno, montati su recinzioni.
Impactor, il prodotto che Geoquip utilizza in questo tipo di situazioni, viene, infatti, fissato direttamente alla superficie della parete.
Rivelando l'intruso prima che quest'ultimo possa avere accesso all'area protetta, il sistema offre una risposta più rapida dei sistemi che, invece, impiegano la protezione volumetrica.
Numerose istituzioni bancarie di prestigio hanno adottato, oltre al sistema Guardwire, anche il sistema Impactor, proteggendo in questo modo le mura degli Istituti di credito.
Durante i due incontri organizzati a Milano e a Roma, particolare rilievo è stato dato al recente superamento, da parte di Geoquip, di una serie di prove che hanno consentito all’azienda di diventare fornitore autorizzato di sistemi perimetrali per le Forze Armate e per i siti NATO.
Le prove, che si sono svolte nell'arco di un periodo di tre anni, hanno collaudato esaurientemente il sistema a cavo microfonico Defensor, installato su un sito di prova militare comprendente dodici zone di rilevazione separate.
Inoltre, la combinazione tra i sistemi Defensor e CentrAlert ha dimostrato la sua efficienza, grazie a una funzionalità di identificazione dei punti, nel corso di una prova condotta dallo Special Security Group (SSG).

Pubblica i tuoi commenti