Protezione24 Persona: efficacia concreta a portata di smartphone

Lo smartphone non è solo un mezzo di comunicazione ma anche uno strumento capace di garantire la sicurezza personale con semplici gesti: arriva la app Protezione24 Persona, realizzata da Sicuritalia in collaborazione con Samsung

La sicurezza personale è una delle preoccupazioni più diffuse tra cittadini, in particolare quelli che vivono nelle grandi metropoli dove si registrano elevati tassi di microcriminalità. Furti, scippi, rapine e violenze, sempre più frequenti ma anche sempre meno oggetto di denuncia, condizionano inevitabilmente i nostri comportamenti e riducono la qualità della vita. In alcuni ambiti, la tecnologia ha già fornito le risposte ai bisogni di sicurezza dei cittadini: i sistemi di videosorveglianza, antintrusione e antincendio rendono gli ambienti in cui viviamo, lavoriamo e ci spostiamo sempre più sicuri. Molti si chiedono però se la tecnologia possa proteggerci anche quando siamo soli fuori casa, camminando per strada al ritorno dal lavoro o dal supermercato, magari insieme ai nostri figli. La risposta è sì, e lo strumento ideale è lo stesso che utilizziamo per comunicare, chattare e navigare sul web, ovvero lo smartphone.

App per la sicurezza personale: gratuite ma…

Le app dedicate alla sicurezza personale non sono certo una novità. Su Google Play e App Store, i negozi virtuali dedicati ai dispositivi Android e iOS, si trovano decine di app che permettono, in caso di pericolo reale o presunto, di richiamare l’attenzione delle persone vicine con un allarme sonoro oppure di inviare una chiamata o un sms di emergenza ai contatti preferiti (familiari, Forze dell’Ordine, ecc.), allegando anche la nostra posizione tramite le coordinate geografiche (geolocalizzazione). Pur essendo spesso gratuite e in grado di fornire un valido aiuto in certe situazioni, non beneficiano di una centrale operativa ad hoc capace di raccogliere istantaneamente le segnalazioni, validarle e verificarle tramite gli organi preposti (Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco, ecc.). Questo significa che la loro efficacia e affidabilità lascia un po’ a desiderare e potrebbe venire meno proprio nel momento del bisogno.

Per ovviare a questa lacuna, Sicuritalia, azienda italiana di riferimento nel settore della Sicurezza, e Samsung, leader del mercato degli smartphone, hanno siglato una partnership per lo sviluppo di un nuovo servizio dedicato alla sicurezza personale.

Expertise di Sicuritalia

Il servizio si basa sulla app Protezione24 Persona, disponibile al momento solo per i dispositivi Android e, fino al 30 giugno 2019, in esclusiva per i modelli della gamma Galaxy di Samsung. La app è stata realizzata da Sicuritalia facendo tesoro della propria esperienza e competenza nel settore Sicurezza ma anche con un occhio di riguardo alla semplicità d’uso e alla affidabilità.

Una volta installata e configurata, è sufficiente scuotere lo smartphone per inviare istantaneamente una richiesta di soccorso direttamente alla Centrale Operativa Sicuritalia. Non si tratta di un semplice messaggio o notifica come accade con altre app di questo tipo, ma di un vero e proprio “dossier” di contenuti e informazioni attraverso cui l’operatore può determinare, con buona approssimazione, se la richiesta è reale oppure accidentale, verificare tutto quello che sta succedendo intorno allo smartphone grazie ai video e ai suoni catturati dalla fotocamera e dal microfono. Naturalmente vengono inviati i dati personali dell’utente e le coordinate Gps per individuare la sua posizione geografica con uno scarto di pochi metri. Le registrazioni video e audio sono subordinate al consenso dell’utente, custodite nel rispetto della legge sulla privacy e, all’occorrenza, messe a disposizione delle Autorità.

Il supporto della Centrale Operativa

Uno dei punti di forza del servizio è il supporto della Centrale Operativa Sicuritalia, localizzata in Italia e attiva 24 ore su 24, 365 giorni all’anno. La Centrale funge sia da filtro per eliminare i falsi allarmi sia da tramite per coordinare e velocizzare gli interventi da parte delle Autorità.

La app Protezione24 Persona può anche inviare una richiesta di soccorso quando rileva una forte decelerazione dei sensori interni dello smartphone e la successiva assenza di movimenti, sintomi di un possibile infortunio dell’utente o di un incidente stradale. In alternativa si può utilizzare la funzione “Time” che programma l’invio automatico di una richiesta di soccorso allo scadere di un intervallo di tempo preimpostato se non disattivato prima del termine. Quest’ultima soluzione, la più discreta tra quelle a disposizione perché non richiede l’intervento dell’utente nel momento del pericolo, è stata concepita per proteggere coloro che sono costretti a compiere brevi tratti a piedi in zone a rischio, ad esempio per raggiungere la propria auto o la fermata dei mezzi pubblici all’uscita dall’ufficio o dalla palestra.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Se sei abbonato, fai per visualizzare il contenuto, altrimenti abbonati

Sei abbonato a Sicurezza ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
Registrandoti qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento, entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome