IMQ certifica le centrali di telesorveglianza

IMQ ha recentemente definito un sistema di valutazione delle centrali di telesorveglianza.

La certificazione rilasciata da IMQ fornisce la garanzia che la centrale di sorveglianza e le sue funzionalità siano state progettate, realizzate e organizzate secondo procedure idonee ad assicurare lo svolgimento efficiente del servizio.
La certificazione avviene attraverso un controllo iniziale e successive verifiche periodiche.
Nella verifica iniziale, ci si accerta che l'impianto soddisfi alcuni requisiti specificati dalla legge, riguardanti:

• l'area all'interno della quale sono collocate le apparecchiature di sistema
• i sistemi di ricezione e gestione delle chiamate
• il presidio umano e le procedure osservate, con particolare riguardo alla formazione degli operatori e alle procedure che devono essere eseguite al verificarsi degli eventi insorgenti e che devono essere preordinate e definite contrattualmente con il cliente

Successivamente al controllo iniziale, la centrale di telesorveglianza certificata viene sottoposta a verifiche periodiche da parte di IMQ per accertare il mantenimento nel tempo della conformità ai requisiti di legge e del mantenimento delle prestazioni offerte.
La normativa vigente applicata alle centrali di telesorveglianza - la UNI 11068 del 2005 - stabilisce che una centrale sia in grado di garantire in maniera efficiente, e nel rispetto di specifici indici di qualità, una o più delle seguenti tipologie di servizi:

• telesoccorso e assistenza sanitaria, svolta tramite teleassistenza sanitaria a domicilio per malati e disabili
• antincendio, tramite la telesorveglianza di impianti di rilevazione e segnalazione d'incendio, di estinzione d'incendio, di evacuazione fumi, di chiusura di porte tagliafuoco
• anticrimine, realizzata attraverso la telesorveglianza di impianti di allarme antintrusione, antifurto e antirapina (su mezzi fissi o mobili), di videosorveglianza e di controllo degli accessi

Pubblica i tuoi commenti