1978 – 2013, trentacinque anni di Silentron

A trentacinque anni esatti dalla sua fondazione, Silentron ha incontrato i propri concessionari presso il prestigioso Grand Hotel Gallia di Milano Marittima per una kermesse interamente dedicata alla security.

Durante l'evento, lo staff tecnico dell'azienda ha illustrato le nuove soluzioni per la sicurezza di beni e persone, tra le quali la centrale touch screen DualBand dedicata a impianti di allarme medio-piccoli, evidenziando la protezione esterna e un programma antiaggressione.

Altra novità, la presentazione dello sviluppo del già performante sistema filare-ibrido SilBus, che oggi - grazie anche all'integrazione video e all'intera gamma wireless HT - si pone ai vertici degli standard tecnologici internazionali, come attestato dalla certificazione IMQ appena ottenuta per entrambe le linee di prodotto.
Versatilità, semplicità di gestione e programmazione, come da migliore tradizione Silentron.

Giuseppe Mallarino, fondatore e attuale Amministratore Delegato di Silentron, ha delineato la situazione del mercato generale, sottolineando il ruolo che l'azienda riveste all'interno del Gruppo Nice, di cui fa parte dal 2008: “Oggi più che mai Silentron è orgogliosamente parte di Nice e ne costituisce la divisione R&D Alarm System, da me diretta, che ha il compito di creare nuovi prodotti e sistemi che saranno diffusi nel mondo nel prossimo futuro con i vari brand del gruppo, fra i quali Silentron sarà quello sempre più dedicato al mercato professionale”.

Mallarino ha anche sottolineato il ruolo di Silentron all'interno del settore sicurezza, rimarcando la storicità del marchio, la vocazione altamente innovativa e la coerenza commerciale che da sempre contraddistingue Silentron sul mercato: “Forti del nostro passato e presente di leader nel settore sicurezza, procederemo nel futuro con le idee chiare e la determinazione di sempre, sviluppando nuove linee di prodotti e servizi ad alto contenuto tecnologico poiché abbiamo le persone, i mezzi, l'esperienza e la capacità per farlo”.

Pubblica i tuoi commenti